Perché passeggiare a Roma di notte? La città Eterna, una grande metropoli, ricca di eventi, panorami strabilianti, e soprattutto, storie, tante curiosità e aneddoti che si addensano nelle vie e nei quartieri, da Mastro Titta ai misteriosi fantasmi del passato, dagli artisti del Rinascimento ai segreti e i fatti inspiegabili di cronaca nera, Roma è una vera fucina di leggende e racconti. Certamente una passeggiata al chiaro di luna, magari sul Gianicolo, o immergendosi nell’atmosfera dell’antico Foro Romano, non può che essere ancora più suggestiva: è di notte infatti, nel silenzio dei quartieri che dormono, che puoi “ascoltare” attentamente le sensazioni e le emozioni nell’aria; la terra sotto i piedi, il fruscio delle foglie sugli alberi, l’emozione della scoperta e dell’esplorazione.

Camminare fa bene, questo è certo: ricarica le energie, dà il tempo di riflettere e osservare attentamente il mondo intorno a noi, per poi infine, immergersi nella movida cittadina, risvegliando i nostri sensi e scoprendo nuovi luoghi.

Cosa fare a Roma di notte? Quante cose da fare e da vedere!

Per questo ti consigliamo di leggere un libro molto interessante

“101 cose da fare a Roma di notte – Almeno una volta nella vita” (2010), di Adriano Angelini, poeta, scrittore e traduttore.

<< Dai cinema ai teatri, dalle manifestazioni culturali alle discoteche, dai ristoranti alle vinerie, la città coinvolge e trascina cittadini e turisti in una girandola di iniziative ed eventi che hanno fatto di Roma la Regina delle notti italiane. E di questa bella dama senza età, Adriano Angelini vi racconterà ogni segreto, accompagnandovi mano nella mano tra vicoli, ponti e palazzi, svelandovi locali e angoli ancora poco noti dove sorprendere una città che si distrae e si diverte, golosa della vita e pronta a liberarsi del grigiore quotidiano. >>

Fonte:

La Feltrinelli