Loquis: Villars-sur-Var

Scarica Loquis!

Villars-sur-Var

  loquis

Pubblicato:  2019-07-09 00:00:00

  Discovery

Villars-sur-Var (in italiano Villar del Varo, ormai desueto) è un comune francese di 685 abitanti situato nel dipartimento delle Alpi Marittime della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra. I suoi abitanti sono chiamati Villarois in francese e Villaresi in italiano. Storia Il comune di Villar del Varo è stato parte integrante della storica Contea di Nizza fino al 1860, ed ha seguito perciò con essa, fin dal 1388, anno di dedizione di Nizza alla Savoia, le vicende storiche prima della Contea di Savoia e del Ducato di Savoia, e poi dopo il Congresso di Vienna, dal 1815 al 1860, le sorti del regno di Piemonte e Sardegna, facendone parte per quasi mezzo secolo, per essere poi annesso nel 1860 alla Francia, dopo referendum nell'aprile del 1860, secondo le clausole del Trattato di Torino fra Vittorio Emanuele II, re di Sardegna e Piemonte e Napoleone III, imperatore dei Francesi, con cui era ceduto dal primo ministro Camillo Benso, conte di Cavour, il Contado di Nizza alla Francia, per il suo aiuto nella seconda guerra d'indipendenza e l'unità d'Italia. Araldica Lo stemma del Comune di Villars-sur-Var è un blasone terzato in fascia: all'1) d'azzurro alle due stelle d'argento; al 2) fasciato del medesimo e di rosso di quattro pezzi; al 3) d'oro ai due olivi sradicati di verde. Monumenti e luoghi d'interesse Chiesa di San Giovanni Battista (Église Saint-Jean-Baptiste) con opere del XV secolo. Organo a cilindri, il più antico di Francia. Vestigia del castello dell'"Esperone". Canale turistico e botanico. "Calanchons", stradine tipiche. Porte antiche e "porte segrete posteriori e/o laterali fortificate" dette Poterne. Pitture d'Edmond Baudoin sulla Fontana di "Sarzit" ed il Lavatoio (Lavoir). Casa dei Templari (Maison des Templiers). Lavatoio del Mulino (Lavoir du moulin). Lavatoio del grano (lavoir à grain). La casa di Maurizio (la maison de Maurice). forno comunale a forma d'iglù. Cappella di Santa Brigida (Chapelle Sainte-Brigitte). Cappella di Santa Petronilla (Chapelle Sainte-Pétronille). Cappella dei penitenti bianchi del Gonfalone della Santa Croce (Chapelle des pénitents-blancs-du-Gonfalon-de-la-Sainte-croix). Stazione ferroviaria delle Pigne (Gare du train des Pignes). Casa del soldato (Maison du poilu), in memoria dei combattenti della Prima guerra mondiale, detti "pelosi", per significare bravi, forti e coraggiosi.Economia Fra tutti i vignaioli, i vinificatori ed i produttori di vino di Villars-sur-Var, unicamente il vigneto «Clos St Joseph», possiede i soli diritti esclusivi del dipartimento a beneficiare della denominazione d'origine controllata (D.O.C.), in francese "Appellation d'Origine Contrôlée" (A.O.C.), "Côtes de Provence". Il vino "Côtes-de-Provence" è prodotto su una vasta parte del Vigneto di Provenza (vignoble de Provence), principalmente nel dipartimento del Varo, in una parte delle Bocche del Rodano (Bouches-du-Rhône) ed anche sul piccolo comune di Villars-sur-Var nelle Alpi Marittime. Dal 2005 il "Côtes-de-Provence" ha aggiunto la denominazione geografica di Fréjus nel dipartimento del Varo, e dopo il 2008 la denominazione de "La Londe" nel comune di Villars-sur-Var. Ma, contrariamente a quello che si pensa troppo di sovente, i vini "Côtes de Provence" non sono prodotti su tutta la superficie della Provenza. Soli 18.000 ha infatti, accuratamente delimitati, hanno diritto alla denominazione d'origine controllata (D.O.C.) (Appellation d'Origine Contrôlée, A.O.C.), e davvero pochi ettari a Villars-sur-Var, del vitigno «Clos St Joseph». Società Evoluzione demografica Abitanti censiti Amministrazione Gemellaggi Cherasco, dal 1981Galleria d'immagini Note Altri progetti Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Villar del Varo

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta