Loquis: Museo Winterline

Scarica Loquis!

Museo Winterline

  loquis

Pubblicato:  2019-07-09 00:00:00

  Discovery

Il Museo WinterLine di Venafro è un museo militare italiano gestito dalla Associazione WinterLine Venafro ONLUS. È situato nel centro storico della città, presso il Palazzo De Utris, ed espone una mostra permanente basata su reperti storici risalenti alla seconda guerra mondiale. Il Museo WinterLine è una tra le principali strutture presenti in Molise che caratterizza e valorizza la riscoperta del territorio molisano. Storia dell'associazione L’associazione Winterline Venafro nasce grazie ad un’idea del dott. Renato Dolcigno e del dott. Luciano Bucci che decidono di creare una mostra storico-militare permanente denominata Winterline, riguardante gli eventi bellici che hanno interessato il comune di Venafro e le terre limitrofe. Ai due promotori dell'iniziativa si aggiunge Donato Pasquale, altro socio fondatore dell'associazione. I tre fondatori, oltre al ritrovamento ne hanno curato il restauro, la catalogazione e il mantenimento. L'associazione ha coinvolto personalità importanti nel campo della conservazione della memoria storica della seconda guerra mondiale, tra queste Mary Baghan e Paul Hooton, rispettivamente responsabile della First Special Service Force Veterans Association e responsabile della London Irish Rifle Veterans Association. Altri soci dell'associazione sono: il dottor Domenico Vecchiarino, l'avvocato Alessandro Campagna e i signori Fabrizio Bertoni, Francesco Iorio, Stefano Giuliani, Rosario Malfatti, Nicola Verrecchia, Andrea Ottaviano. Sono soci onorari l'architetto Franco Valente, l'architetto Marco Chiaverini e l'ingegnere Antonio Buono. Winterline - La linea d'inverno Venafro e i monti circostanti sono stati sede di una linea difensiva tedesca denominata "Bernhardt - Reinhard" che fu teatro di aspri combattimenti durante l'inverno del '43/'44; da qui il nome Winterline. Venafro, scambiata per Cassino, venne bombardata per errore dagli aerei americani il 15 marzo 1944, soprattutto nella parte che oggi corrisponde al centro storico, dov’è situato il museo. Le testimonianze Tra le numerose testimonianze dei superstiti di guerra, ciò che ha lasciato il segno sono sicuramente le parole dell'ufficiale dell’esercito del Corpo di Spedizione Francese in Italia, R. Derennes. Egli raccontò che si trovava a Venafro durante i bombardamenti e come da accordi, tutti sapevano che il 15 marzo 1944 dalle 8 a mezzogiorno, milleduecento apparecchi avrebbero dovuto bombardare Cassino e anche il suo comando di artiglieria sarebbe dovuto intervenire. La vallata che si estende per oltre 15 kilometri, che va da Venafro a Cassino, divenne, in quelle interminabili quattro ore, una incredibile ecatombe. Le bombe destinate ai Tedeschi, per un errore umano, piovvero su tutti; prima sui Francesi, poi sulle artiglierie e sulle fanterie Inglesi, Neozelandesi, Polacche ed infine sugli stessi Americani. Verso le 9:30 una flotta di aerei scambiò il monte Santa Croce di Venafro per Montecassino sganciando il suo carico di bombe. Le ondate successive arrivavano a distanza di un quarto d’ora: vedendo il fumo sganciavano le micidiali bombe. Alcune ondate si diressero su Cassino, in quanto i piloti conoscevano bene il territorio. Non appena le bombe cessarono di cadere dal cielo, i superstiti uscirono dai loro ripari si sopravvivenza per soccorrere i feriti, mentre all’ospedale regnava il caos. Numerose furono le case rase al suolo: fiamme e nuvole di polvere erano la cornice in questa situazione apocalittica. Numerossisime furono le vittime sia civili che militari. Ritrovamenti Nel museo sono esposti numerosi reperti frutto di ritrovamenti sul territorio. Caricatore del Johnson LMG41 All'interno del museo è esposto un caricatore di mitragliatrice Johnson LMG 41, ritrovato in seguito a una perlustrazione dei monti intorno a Venafro. È un reperto molto raro ed è stato ritrovato in ottime condizioni. La Johnson light machine gun 1941 era un'arma che presentava un caricatore a banana da 20 colpi e un serbatorio interno "d'emergenza" di 5 colpi. Prodotta in poche migliaia di esemplari, fu data in dotazione alla First Special Service Force nell'area della Winterline; fu largamente usata in quanto arma versatile e adatta al combattimento. La lettera del colonnello Robert Frederick alla famiglia del SGT. Frank Harvey L'associazione riuscendo ad entrare in contatto con un gruppo di reduci e parenti di ex combattenti della First special service force, ha avuto l'onore di avere come ospite Mary Bhagan, donna canadese e nipote del Sgt Frank Harvey, soldato della First Special Service Force caduto in battaglia sui monti di Conca Casale. In seguito alla visita presso il museo, la donna decise di donare all'associazione la lettera originale, inviata alla famiglia del sergente Harvey, da parte del colonnello Frederick, creatore e comandante della First Special Service Force. Il "tesoro" del mulino In seguito a dei lavori di ristrutturazione di un vecchio mulino presente nell'area dei combattimenti è stato rinvenuto numeroso materiale bellico composto da: cassette, taniche, un cappotto americano in lana, due porta maschere antigas tedesche (modello corto da polizia), una canna da mitragliatrice pesante calibro 50, uno zainetto Haversack americano completo, due manici per ascia americana, un paio di ghette americane, quattro scatole di cartone (due perfettamente conservate) per razioni alimentari e due barattoli (uno di succo d'arancio e uno di spaghetti al pomodoro con polpette) ancora con l'etichetta. Le piastrine del monte Sammucro La battaglia del monte Sammucro, a confine tra Lazio, Molise e Campania, è stata una delle più dure ed importanti lungo la Winterline. Il Sammucro infatti controlla direttamente il corridoio di passaggio della Statale 6 Casilina, strada fondamentale per lo spostamento delle truppe alleate verso Roma. Nelle prime settimane di dicembre del 1943 si è combattuto per la conquista di questo monte. Le ricerche, negli ultimi anni, hanno portato alla luce due piastrine appartenenti a due soldati. La prima piastrina è appartenuta al 2nd Lieutenant Douglas W. House, del 143º reggimento di fanteria della trentaseiesima divisione "TEXAS", ufficiale al comando del suo plotone è stato ucciso in battaglia,all'età di 23 anni probabilmente a causa di un'esplosione di artiglieria, il 14 dicembre 1943. Il corpo fu recuperato e adesso riposa con i suoi familiari nel paese da dove proveniva, East Longmeadow, Massachusetts. L'altra piastrina apparteneva al soldato semplice Thomas J. Peretich, inquadrato nel 3º battaglione dei Rangers Americani. La sua storia è ancora incompleta, in quanto il corpo non fu mai recuperato, seppur dichiarato morto nei rapporti ufficiali. Oggetti particolari Anello delle truppe marocchine Un anello, d'argento, con incise quattro cifre 1083, di fattura arabeggiante. Ritrovato insieme ad altri oggetti che hanno fatto ipotizzare che il proprietario l'avesse poggiato sul bordo della trincea prima dell'attacco e che l'abbia lasciato lì per fuggire in maniera precipitosa in un posto più sicuro. Cuoricino intagliato Un oggetto emerso dalle ricerche e conservato nel museo, che colpisce particolarmente, è un cuoricino intagliato con il metodo con cui si incidevano nomi e altre informazioni sulle gavette o sulle borracce. Probabilmente apparteneva ad un soldato, giovane ed innamorato, che incideva il nome della sua amata, forse conosciuta durante i tempi di guerra. Lettera di una madre devota Durante le ricerche in una casa, adibita ad ospedale militare durante la guerra, sono state ritrovate alcune lettere che le madri mandavano ai propri figli al fronte. Questa è una di esse: "Ciao figlio; sei ancora a Flint ora che ti scrivo. Quando tornerai al campo non dimenticare tutto il divertimento che hai avuto durante le tue vacanze. Io ho provato ad aiutarti in tutti i modi che conoscevo. Da quando hai finito le tue vacanze ti senti un po' giù. Ma superalo e goditi i tuoi passi. Ci sarà una fine per ogni cosa eccetto Dio. Voglio che mi fai un favore, vai in chiesa, presentati al prete e lascia che ti battezzi. Ho sempre voluto aspettare che tu e Sylvia ne sentiate il desiderio, ma Dio ha risposto alle mie preghiere figlio, perciò vai da un prete e fatti battezzare. Non farci più ricevere notizie solo dalla tua assicurazione. Se vai oltreoceano e succede che ti ammali o che ti ferisci scrivicelo in questo modo: "Il tuo canarino malato sta meglio oppure scrivi sono contento che i tuoi canarini stanno migliorando" se vieni ferito scrivi "La zampa o l'ala del tuo canarino si è rotta oppure la zampa o l'ala è ferita" Se mi parli di te sempre come se fossi un canarino sono sicuro che non verrà censurato. Se ti trasferiscono in INGHILTERRA potresti dire che ti fa piacere sapere che a Sylvia piace la sua GIACCA ETON o le NUOVE..... se vai in IRLANDA A Shanon piacciono ancora le patate fritte. SCOZIA ti ricordi la mia cravatta di pleid NELLE ISOLE DELLA GIAMAICA usi il ginger nella torta di zucche ITALIA ti ricordi i miei nuovi stivali che ho comprato? AFRICA puoi ancora comprare delle gomme? Oppure potresti usare un altro sistema più semplice. Potresti scrivere una serie di frasi dove la prima lettera mi indica la nazione dove ti trovi o quello che vuoi dirmi come così: A A glass.. Un bicchiere di latte sarebbe buono ora. F For ... Ho la gola secca adesso che arriva l'ora di pranzo R Russell non scrive da molto tempo I Io penso che la vita al campo non è male C Can you... Puoi ancora comprare banane e gomme? A A Buddy... Un mio compagno mi ha dato delle sigarette Guarda cosa intendo su come fare lo spelling di quello che vuoi dirmi. Non preoccuparti molto per Molly e ascolta i consigli che Russell ti ha dato. E tieniti pulito per la madre dei miei nipoti. Bene figlio mio parlami dei miei canarini se sei malato o ferito. E mi aiuteresti molto se mi dicessi dove sei o quello che vuoi usando le frasi come ti ho spiegato. Bene figliolo scrivi più spesso che puoi e telefona se puoi. La mancanza di casa è uno stato mentale. Mantieniti impegnato con le mani e anche con la mente e vedrai che non avrai tempo di sentire la mancanza di casa. Io faro' lo stesso per non sentire la tua mancanza. La tua mamma devota." Gesù delle trincee In una delle trincee presenti sui monti venafrani, è stata ritrovata una statuetta di Gesù probabilmente appartenente a un soldato. Galleria d'immagini Note Collegamenti esterni From the Volturno to the winter line, https://history.army.mil/books/wwii/volturno/volturno-fm.htm Fifth army at the winter line, https://history.army.mil/books/wwii/winterline/winter-fm.htm First special service force, http://www.firstspecialserviceforce.com 45th Infantry division world war II reenactors and venturing crew , http://www.45thdivision.org/ 34th Infantry division, http://www.34infdiv.org/ 36th Infantry division association history, http://www.texasmilitaryforcesmuseum.org/gallery/36div.htm The 504th parachute infantry regiment (PIR) during world war II, http://www.ww2-airborne.us/units/504/504.html Museo parco della memoria storica, http://www.comune.sanpietroinfine.ce.it/vivere-san-pietro-infine/museo-parco-della-memoria-storica/ Cimitero militare francese, http://www.associazioneseraf.it/museo/scheda_aggiornamento.html?cod_museo=31&cod_aggiornamento=50Voci correlate Seconda guerra mondiale

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta