Loquis: Assedio di Vicksburg

Scarica Loquis!

Assedio di Vicksburg

  loquis

Pubblicato:  2019-07-09 00:00:00

  Discovery

L'assedio di Vicksburg, durato dal 18 maggio al 4 luglio del 1863, fu l'ultima consistente operazione militare nell'ambito della Campagna di Vicksburg all'interno del Teatro Occidentale della guerra di secessione americana. Attuando una serie di manovre atte a fiaccarne la resistenza il Maggior generale Ulysses S. Grant e la sua Armata del Tennessee attraversarono il fiume Mississippi e misero sotto uno stato di stretto assedio l'Armata confederata del Mississippi guidata dal Luogotenente generale John Clifford Pemberton nelle linee difensive che circondavano la città fortificata di Vicksburg. Il centro urbano al centro dello Stato del Mississippi costituiva l'ultima roccaforte confederata posta sulle rive del grande fiume; catturandola venne completata la 2ª parte della strategia settentrionale, il cosiddetto Piano Anaconda. Quando due importanti assalti (verificatisi il 19 e il 22 maggio) contro le fortificazioni vennero respinti con pesanti perdite Grant decise di assediare ufficialmente la città a partire dal 25 seguente; dopo aver resistito per più di 40 giorni, con le forniture di rifornimenti quasi del tutto scomparse, la guarnigione si arrese definitivamente il 4 luglio. La conclusione estremamente positiva dell'intera campagna e il pieno successo conseguito degraderà significativamente la capacità degli Stati Confederati d'America di mantenere ad alto livello il proprio sforzo bellico. Alcuni storici suggeriscono che lo scontro decisivo fu in realtà la battaglia di Champion Hill la quale, una volta vinta da Grant, rese l'ottenimento della vittoria nel successivo assedio una conclusione quasi del tutto scontata. Quest'azione, combinata con il successo nell'assedio di Port Hudson conquistato ad opera di Nathaniel Banks il 9 di luglio, porterà all'Unione il controllo completo del Mississippi fino al termine del conflitto. La resa del 4 luglio viene comunemente considerata, assieme alla sconfitta di Robert Edward Lee nella battaglia di Gettysburg ed il ritiro da Gettysburg - un arretramento generalizzato nel Teatro orientale - a partire da quello stesso giorno, come il punto di svolta della guerra. L'immediata conseguenza sarà quella di aver tagliato fuori gli Stati dell'Arkansas, della Louisiana e del Texas dal resto della Confederazione e dividendola in tal modo efficacemente in 2 tronconi per il resto della durata del conflitto. La vittoria dell'Unione interruppe anche definitivamente la comunicazione tra il centro orientale confederato e il Teatro Trans-Mississippi, ossia il Territorio Confederato dell'Arizona, l'Arkansas nella guerra di secessione americana, la Louisiana nella guerra di secessione americana, il Missouri nella guerra di secessione americana ed infine il Texas nella guerra di secessione americana. Antefatti Già a partire dall'anno precedente, quando il 1º maggio del 1862 con un audace colpo di mano l'ammiraglio David G. Farragut ottenne una strepitosa vittoria nella Battaglia di New Orleans - città situata sul golfo del Messico alla foce del Mississippi - era aperta la porta di accesso per invadere gli Stati confederati attraverso la rotta del sistema fluviale. Situazione militare Dopo aver attraversato il Mississippi a Sud di Vicksburg all'altezza di Bruinsburg e direttosi a Nord-est Grant si aggiudicò la battaglia di Port Gibson (1º maggio), la battaglia di Raymond (12 maggio) e la battaglia di Jackson (14 maggio) - quest'ultima con la cattura della capitale statale di Jackson - costringendo Pemberton a ritirare i propri reparti verso Ovest; i tentativi compiuti per fermare l'avanzata dell'Unione prima a Champion Hill (16 maggio) e poi nella battaglia di Big Black River Bridge (17 maggio) risultarono senza alcun esito, rivelandosi così un completo fallimento. Il comandante confederato sapeva bene che il Corpo a disposizione di William Tecumseh Sherman si stava preparando a fiancheggiarlo da Nord con l'intento di aggirarlo; non ebbe pertanto altra scelta se non quella di arretrare per evitare di rimanere accerchiato; Pemberton brucerà e distruggerà i ponti sul "Big Black River" e confischerà tutto ciò che poteva risultare commestibile lungo il suo cammino, sia animale che vegetale, mentre si apprestava ad asserragliarsi nella ben fortificata città di Vicksburg con i maggiori approvvigionamenti possibili. I confederati evacuarono "Hayne's Bluff", che venne occupata dalla cavalleria di Sherman il 19 maggio; in tal modo le navi a vapore unioniste non dovettero più sottostare ai cannoneggiamenti provenienti da Vicksburg essendo ora in grado di attraccare sulle banchine dello Yazoo River. Grant poté da questo momento in poi ricevere i rifornimenti con maggior frequenza e più velocemente rispetto alla rotta precedente che attraversava la Louisiana oltrepassando il fiume che attraversava il Grand Gulf e Bruinsburg per poi risalire verso Nord. Più della metà dell'esercito di Pemberton era andato irrimediabilmente perduto nelle 2 precedenti battaglie e molti si attendevano che Joseph Eggleston Johnston - al comando del "Dipartimento del West" - alleggerisse il peso contro Vicksburg, cosa che invece non farà mai. Grosse masse di truppe dell'Unione si trovavano in marcia per investire con la loro forza d'urto la città, riparando i ponti bruciati sul Big Black River ed incrociando l'esercito di Grant il 18 maggio. Johnston inviò un dispaccio a Pemberton chiedendogli di sacrificare la città e così salvare le sue truppe, cosa che questi non avrebbe fatto probabilmente influenzato dal timore di ricevere una condanna da parte dell'opinione pubblica se avesse abbandonato Vicksburg al suo destino. Fortificazioni Mentre le truppe confederate si avvicinavano in una marcia forzata sempre più alla città, Pemberton poteva immettere soltanto 18.500 effettivi sulle sue linee; Grant ne possedeva oltre 35.000, con ulteriori rinforzi che stavano per sopraggiungere. Il difensore aveva tuttavia il vantaggio costituito dai terreni e dalle fortificazioni i quali la rendevano quasi inespugnabile. La linea difensiva correva attorno a Vicksburg per quasi 6,5 miglia, basata su un terreno a diverse altitudini comprendente colline e protuberanze con angolazioni assai ripide le quali avrebbero costretto l'attaccante a salire sotto la minaccia costante del fuoco nemico; il perimetro comprendeva una varietà di cannoni, fortini, trincee, ridotte e lunette. Le principali fortificazioni includevano "Fort Hill", un alto promontorio a Nord del centro abitato, lo "Stockade Redan" il quale dominava l'approccio alla città da Nord-est, il "3rd Louisiana Redan", la "Great Redoubt", la "Railroad Redoubt" la quale era messa a protezione del vuoto che si creava nella rete ferroviaria che entrava in città, lo "Square Fort" (Fort Garrott) - un saliente lungo la "Hall's Ferry Road" - ed infine il "South Fort". Venne fatto costruire velocemente, soprattutto sulla riva sinistra del fiume, un campo trincerato dotato di potenti cannoni navali in grado di bloccare l'accesso alla flotta avversaria, addirittura circondato da paludi. Le cannoniere dell'Union Navy cercarono più volte di forzare il passaggio, ma furono sempre irrimediabilmente respinte dal tiro concentrato dell'artiglieria nemica, che con i grossi calibri sparava dalla riva sulle navi quasi a bruciapelo. Forze in campo

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta