Loquis: San Martino Sinzano

Scarica Loquis!

San Martino Sinzano

  loquis

Pubblicato:  2019-07-09 00:00:00

  Discovery

San Martino Sinzano, comune autonomo fino al 1866, è una frazione di Collecchio, in provincia di Parma.La località dista 2,67 km dal capoluogo. Geografia fisica La frazione sorge in posizione pianeggiante nelle campagne a est di Collecchio, sulla sponda sinistra del torrente Baganza. Origini del nome La località, nota in epoca medievale come Senciano o Sencianum, deve forse il suo nome alla presenza di una strada in selciato o di terreni sassosi, oppure al nome di un cittadino romano che ne sarebbe stato proprietario in epoca ignota. Storia I primi insediamenti umani nei pressi di San Martino Sinzano sorsero durante il Neo-eneolitico.In epoca romana la zona risultava sicuramente abitata, come dimostrato dalla suddivisione delle terre che ricalca ancora l'antica centuriazione.La prima testimonianza certa dell'esistenza del borgo di Senciano risale tuttavia soltanto all'890, mentre si conservano alcuni atti risalenti al 1029 che descrivono il territorio adiacente, ove si alternavano boschi a terre coltivate a prato e vigneti.Nel 1230 fu menzionata per la prima volta la primitiva cappella, in seguito dedicata a san Martino.In epoca ignota fu inoltre eretta una torre con fortilizio difensivo; nel 1325, durante i saccheggi e le devastazioni che colpirono Parma e il Parmense, le truppe dei marchesi Pallavicino, alleate del signore di Milano Azzone Visconti, distrussero completamente l'edificio fortificato, che non fu più ricostruito.In epoca napoleonica San Martino di Sinzano divenne sede di Comune (o mairie), ma nel 1866 fu annessa a Collecchio, perdendo parte del territorio a vantaggio dei comuni limitrofi di Parma e San Pancrazio Parmense.Il 13 ottobre del 2014 le abitazioni della frazione più prossime al torrente Baganza furono danneggiate da una disastrosa alluvione, che più a valle interessò anche buona parte della città di Parma. Monumenti e luoghi d'interesse Chiesa di San Martino Edificata originariamente entro il XIII secolo, la chiesa divenne sede parrocchiale soltanto alla fine del XV; completamente ricostruita in stile barocco nel 1753, fu successivamente restaurata nel 1959, nel 1983 e nel 2003; al suo interno conserva due antichi dipinti di pregio, raffiguranti il Sacro Cuore, realizzato da Domenico Muzzi, e l'Adorazione dei pastori. Villa Calvi Utilizzata forse come sede municipale del Comune di San Martino Sinzano, la villa neoclassica fu successivamente acquisita dai conti Calvi di Coenzo. Note Bibliografia Infoturismo, in GuidaPiù, Collecchio, Reggio Emilia, Gruppo GuidaPiù srl, 2007. Ireneo Affò, Storia della città di Parma, Tomo quarto, Parma, Stamperia Carmignani, 1795. Tiziano Marcheselli, Collecchio di una volta, Parma, Gazzetta di Parma Editore, 2008.Voci correlate Collecchio

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta