Loquis: Bulciano

Scarica Loquis!

Bulciano

  loquis

Pubblicato:  2019-07-09 00:00:00

  Discovery

Bulciano è una frazione del comune toscano di Pieve Santo Stefano, posta 6,9 km circa a nord del capoluogo, sulla cima del Poggio Spicchio (765 m s.l.m.), nel fianco orientale del Monte Castelsavino. Il nucleo abitativo è organizzato intorno al culmine del colle, dove si trova la chiesa della Madonna Immacolata, recentemente restaurata. Storia L'antico castello, di cui non si individuano tracce, fu venduto nel 1272 insieme a Bulcianella all'abate dell'Abbazia del Trivio, dalla vedova di Orlando da Bulciano. Fu poi occupato dai Tarlati al tempo della loro dominazione sul capoluogo pievano, successivamente dai nobili della Faggiuola e dai conti di Montedoglio. Nel 1384 passò tra i possedimenti della Repubblica Fiorentina. Nacquero nel 1832 e nel 1836 a Bulciano Francesco ed Eduardo Corazzini, da una nobile famiglia locale di possidenti e repubblicani. Il primo fu avviato alla carriera di insegnante, e divenne un importante filologo e storico, soprattutto per i suoi studi sulla nautica; il secondo è stato un patriota. Nel 1867 il poeta Giosuè Carducci fu ospite in Bulciano della famiglia Corazzini, e la sua esperienza è ritratta nell'ode "Agli amici della Valle Tiberina". Il primo gennaio del 1868 Eduardo Corazzini morì per le ferite riportate nella battaglia di Mentana, durante la sfortunata campagna romana di Garibaldi. In sua memoria il Carducci compose il celebre epodo "Per Eduardo Corazzini" (Giambi ed Epodi, Libro I). Nel settembre del 1907 il poeta, filosofo e scrittore Giovanni Papini sposò la bulcianese Giacinta Giovagnoli. La sua villa, attigua a quella dei suoceri, divenne ospite di illustri personaggi del panorama culturale italiano del primo novecento, quali il poeta e pittore Ardengo Soffici, il poeta Giuseppe Ungaretti, il giornalista e scrittore Giuseppe Prezzolini, lo scrittore Domenico Giuliotti. A Bulciano Papini scrisse le sue opere maggiori e vi conobbe la conversione al cattolicesimo. Ancora oggi, sulla sommità del poggio prospiciente alla sua proprietà, v'è una croce eretta nel 1949 recante una stele con la lirica "Felicità irrimediabile". Citazioni Note

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta