Loquis: Una cortigiana a Palazzo Carpi Pallavicini

Scarica Loquis!

Una cortigiana a Palazzo Carpi Pallavicini

  loquis

Pubblicato:  2018-03-19 10:58:00

  Personaggi di Roma

EMBED CODE

Parliamo di TULLIA D'ARAGONA, soprannominata la "Cortigiana dei poeti" per essere stata la loro musa ispiratrice. A Palazzo Carpi Pallavicini trascorse gli ultimi anni della sua vita. Nacque a Roma nel 1508, ed era figlia della cortigiana ferrarese GIULIA CAMPANA (detta la "Ferrarese" perché nata ad Adria), e del cardinale Luigi d'Aragona, arcivescovo di Palermo e nipote del re Alfonso Secondo di Napoli. All'anagrafe risulta invece figlia del cugino Costanzo Palmieri d'Aragona. Tullia era raffinata, cantava, suonava, parlava latino e amava scrivere. Trasformò la sua alcova in un salotto letterario, frequentato da Filippo Strozzi, dal cardinale Ippolito de' Medici, da Bernardo Tasso, da Camillo Delminio, da Francesco Maria Molza e da Sperone Speroni. Girolamo Muzio s'innamorò di lei perdutamente e le dedicò dei sonetti. Era alta e bionda, e ci fu chi per una notte passata insieme a lei, era disposto a spendere anche 100 scudi. Nel 1531 dovette fuggire da Roma perché macchiata d'infamia per non aver rispettato alcuni accordi. Per intercessione della duchessa di Ferrara poté sottrarsi all'obbligo di portare il contrassegno del velo giallo delle cortigiane per meriti letterari. Nel 1543 sposò Silvestro Guicciardini per meritarsi il titolo di "cortigiana onesta". Morì nel 1556 a 48 anni, e venne sepolta con la madre e la sorella Penelope nella Chiesa di S.Agostino.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta