Loquis: via cassia

Scarica Loquis!

via cassia

  loquis

Pubblicato:  2018-03-14 09:38:00

  VisitLazio

Appena dopo Ponte Milvio, da via Flaminia, si raggiunge la consolare via Cassia. È sicuramente tra le vie consolari più importanti che serviva a collegare l'Urbe a Firenze. Lungo la Cassia, nel tratto ancora urbano: la tenuta dell'Acqua Traversa e la tenuta dell'Inviolatella. Poco più avanti si incontra la località Tomba di Nerone, dove nel medioevo si pensava fosse stato sepolto il celebre imperatore romano. Un sito storico e archeologico interessante è certamente la città etrusca di Veio. Dopo Isola Farnese si procede verso l'aperta campagna in direzione di Campagnano e Formello. Tagliando la via cassia verso sud, si trova il piccolo lago di Martignano​. Ci si trova nella Valle del Baccano. Pochi chilometri più avanti, si incontra un altro piccolo e delizioso lago​, quello di Monterosi. Da qui ci si dirige verso Ronciglione. La cassia attuale passa dalla città di Sutri​ ovvero la cassia Cimina. A valle il delizioso lago di Vico. A Nord, sui Monti Cimini, si trova il borgo di San Martino al Cimino. A questo punto Viterbo non è lontana. La si raggiunge dopo aver visitato i siti archeologici etruschi e romani di Acquarossa e di Ferentum, per poi dirigersi verso il grande lago di Bolsena il più grande del Lazio. Da Montefiascone si raggiungono i borghi di Marta, Capodimonte, Bisenzio e le due isole Martana e Bisentina. Si giunge poi a Bolsena con il suo bel Castello. Dal lago di Bolsena, la via Cassia punta decisamente verso nord in direzione di Firenze sua meta originaria, l'antica città di Florentia. Prima di arrivare in Toscana, attraversa la Riserva Naturale del Monte Rufeno e la città di Acquapendente.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta