Loquis: Passeggiata del Gianicolo, di Sibilla Aleramo

Scarica Loquis!

Passeggiata del Gianicolo, di Sibilla Aleramo

  loquis

Pubblicato:  2018-02-24 18:03:00

  Roma Letteraria

EMBED CODE

Ci avviammo a piedi verso il borgo Santo Spirito, costeggiammo il muro dell’ospedale; dall’altro lato della strada fanciulli e donne in cenci interrompevano giochi e chiacchiere per guardarmi nella mia apparenza di forestiera e tendermi la mano. Cenci appesi lungo i muri, tanfo nell’aria. Per la salita di Sant’Onofrio ancora cenci, ancora bimbi ruzzolanti, ancora finestre d’ospizi, graticolate. Un gruppo di educande con alcune monache discendeva, in alto, al sommo del Gianicolo, ci fermammo un po’ affannati. Garibaldi, figura di leggenda, campato nell’azzurro, guardava tranquillo la cupola enorme alla sua sinistra. Lo sfavillìo della massa compatta di case, di torri, di alberi che mi si stendeva sotto gli occhi era intenso, quasi insostenibile. In fondo i monti si staccavano turchini sul cielo, e lungo i declivi le macchie candide dei Castelli mandavano anch’esse barbagli. Tra i monti e Roma la campagna, l’immensità. Roma! Forse ogni giorno lì in cima al colle qualche anima sentiva affluire in sé le più possenti energie […]; ogni giorno forse qualche anima aveva la visione d’una Roma dalla quale, nel tempo, scomparirebbero ogni violenza e ogni laidezza […]. Da, Una Donna, di Sibilla Aleràmo, 1997.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta