Loquis: Fiumicino secondo Giggi Zanazzo

Scarica Loquis!

Fiumicino secondo Giggi Zanazzo

  loquis

Pubblicato:  2019-01-31 15:07:00

  Roma Letteraria

EMBED CODE

Beato chi po’ spenne. Ieri stiedi a godemme Fiumicino indove er fiume nostro infrocia a mare; si è granne? Accidentaccio! E che ve ne pare?...er fiume appetto ar mare è un brusculino, una pisciata, u’ sguazzo… Er mi’ compare abbasta a dì, capite, lui, sor Nino, arimase de sale e vede’ sino’ndo’ l’acqua tocca er celo in artomare. Si vedi, nun c’è fine, nun c’è fonno!...Doppo stiedi a magnamme quer boccone: tre bucali e du’ gnocchi m’appanzonno…Ma in der tornà, che fussino li gnocchi quer tritticamento der vagone, so che me feci fora puro l’occhi. Da, Poesie romanesche. Di Giggi Zanazzo, 1976.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta