Loquis: San Michele a Messina

Scarica Loquis!

San Michele a Messina

  loquis

Pubblicato:  2019-08-13 15:17:00

  Discovery

Il villaggio ha origini molto antiche, in quanto essendo posto dopo il valico dei monti Peloritani, era luogo di sosta prima di arrivare a Messina. Bisogna giungere all'anno 1518 per ritrovare tracce storiche del paese, allorché venne costruita dai Cavalieri di Malta la prima chiesa del villaggio dedicata a San Michele. Prima di questa data, gli abitanti si riunivano in una cappelletta dedicata a Santa Domenica. La peste del 1743 non risparmiò i coloni del torrente San Michele. I cadaveri furono sepolti attorno alla chiesetta di San Michele, all'esterno di essa. Nel 1744 la chiesa venne restaurata e ristrutturata; e nel 1814 ampliata, ma nel 1863, un'alluvione fece gravissimi danni al villaggio e lo straripamento del torrente causò l'interramento delle case e della chiesa, che venne poi riedificata. Dopo il disastroso terremoto del 1908 la parrocchia, gravemente danneggiata nelle parti alte, fu chiusa al culto e nel 1933 rischiò di essere demolita, ma per opera dei Padri del collegio di Sant'Ignazio la chiesa, ricostruita, fu inaugurata il 3 agosto 1940. La chiesa del villaggio è dedicata a San Michele. Risalendo il torrente, a sinistra, si erge su un poggio, Villa Natoli, una residenza neogotica di fine ottocento.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta