Loquis: Santo Stefano di Briga

Scarica Loquis!

Santo Stefano di Briga

  loquis

Pubblicato:  2019-08-13 17:11:00

  Discovery

Il suo nome deriva dal culto verso Santo Stefano primo martire, che i frati basiliani portarono nel posto. Originariamente veniva chiamato Santo Stefano Suprano a dimostrazione che è situato sopra gli altri villaggi della valle, nel 1700 venne sostituito il Suprano con Briga ma non si conosce ancora bene il motivo. Gli abitanti vengono però chiamati ancora oggi Sopranoti. Sorto presumibilmente in periodo arabo normanno nel diciannovesimo secolo, si sviluppò attorno ad una grangia bizantina, che aveva nella chiesa di contrada Arancirella il suo punto di riferimento. La coltivazione del gelso, nell'allevamento del baco da seta e la coltivazione della vite, colture prevalenti in quel territorio, fece di Santo Stefano e dei Sopranoti un centro agricolo importante. La peste del 1743 mieté numerose vittime, mentre il terremoto del 1908 non procurò danni particolari al villaggio. Ma in esso perì Raimondo San Martino De Spucches, parecchie volte, beneamato dalla popolazione, sindaco del comune istituito dopo l'abolizione del feudo nel 1812. Tra le tradizioni e folclore del territorio: il Carnevale della Vallata; il presepe vivente nel borgo antico di S. Rocco; la Festa di San Giovanni Battista la domenica successiva al 24 giugno; la Festa della Madonna della Vena l'8 settembre; e i Sapori d'Autunno alla fine di ottobre.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta