Loquis: La Riserva naturale orientata Cavagrande del Cassibile

Scarica Loquis!

La Riserva naturale orientata Cavagrande del Cassibile

  loquis

Pubblicato:  2019-08-12 16:42:00

  Discovery

La Riserva, che si estende per 2700 ettari, è nata con lo scopo di preservare le diverse ricchezze del suo territorio sia dal punto di vista naturalistico-paesaggistico sia sotto il profilo archeologico ed antropologico, visto che tutta la zona è stata abitata nel corso dei millenni e ne sono rimaste notevoli testimonianze in tombe e reperti. E' caratterizzata dal corso del fiume Cassibile, che le dà nome e che l'ha creata nel corso dei millenni scavando profonde gole o canyon a diverse profondità fino a 507 metri nella zona belvedere di Avola antica. Difeso dalle inaccessibili pareti a strapiombo della cava e dalla vicinanza dell'acqua i Sicani, primi abitatori conosciuti di questo luogo, vi hanno costruito una necropoli, ancora oggi difficile da raggiungere. Intorno al tredicesimo secolo avanti cristo, delle popolazioni della Sicilia sud-orientale, forse spinte da genti italiche più agguerrite, preferirono rifugiarsi in questi luoghi impervi e ben difesi. Questi luoghi vennero utilizzati fino alla prima metà del secolo scorso, infatti poco sopra i laghetti si trovava un monastero, del quale si notano ancora delle rovine. Ciò che rende spettacolari le cave a causa dello scorrimento dei corsi d'acqua, è la morfologia del grande canyon di Cava Grande del Cassibile. Nel versante sud si trova un complesso sistema di abitazioni scavate nella roccia. Ai margini della riserva, sorgono varie necropoli antiche, nelle quali sono stati trovati ricchi corredi tombali e materiale ceramico.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta