Loquis: Basilica della Santissima Annunziata a Ispica

Scarica Loquis!

Basilica della Santissima Annunziata a Ispica

  loquis

Pubblicato:  2019-08-11 22:28:00

  Discovery

Dopo il terremoto che distrusse l'antico tempio presente all'interno del castello della forza, anch'esso andato distrutto, fu provvisoriamente allestita una baracca di legno. Questa dopo la costruzione dell'attuale chiesa, fu intitolata a San Francesco di Paola e andò distrutta dopo il 1791. La prima pietra della nuova chiesa fu posta il 21 ottobre 1703 e i lavori durarono ininterrottamente per oltre 15 anni. Nel gennaio del 1727 un altro sisma divaricò l'arcata maggiore che venne rifatta per evitare il crollo. Il pregio artistico della basilica è costituito dagli stucchi del palermitano Giuseppe Gianforma, lo stuccatore più importante del Settecento siciliano. Si contano 13 grandi pannelli di stucco, in basso ed alto rilievo, che decorano la navata centrale, il transetto e il cappellone. L'edificio è a croce latina e la navata centrale comprende quattro arcate con volta a botte e all'incrocio del transetto si erge la maestosa cupola. All'esterno troviamo un loggiato risalente ai primi dell'Ottocento. Nell'altare destro del transetto è custodita l'immagine del Santissimo Cristo con la Croce mentre nell'altare sinistro è custodita l'immagine del Cristo Risorto entrambi oggetto di particolare devozione durante la settimana santa.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta