Loquis: Basilica di Santa Maria Maggiore a Ispica

Scarica Loquis!

Basilica di Santa Maria Maggiore a Ispica

  loquis

Pubblicato:  2019-08-11 22:14:00

  Discovery

Costruita immediatamente dopo il terribile terremoto del 1693 che sconvolse la Sicilia orientale, in quanto si sentì il bisogno di un luogo dove ospitare il simulacro del Santissimo Cristo alla Colonna, miracolosamente scampato alla distruzione della vecchia chiesetta presente alla Cava Ispica. Ma nel 1727 un altro sisma fece cadere la navata destra, tutto il tetto e parte della cupola e i lavori ripresero continuando per altri trent'anni. Grazie all'insieme di pitture e affreschi, considerati importanti per la storia della pittura in Sicilia, il 24 febbraio 1908 la basilica fu eretta a monumento nazionale. La basilica si inserisce nello stile tardo-barocco insieme alle chiese di Noto, Ragusa e Modica entrate a far parte del patrimonio dell'UNESCO. La facciata della chiesa è semplice e lineare con capitelli ionici e corinzi. Al centro troviamo un finestrone architravato dove è rappresentato su vetro il Santissimo Cristo alla Colonna, mentre ai lati svettano due statue, ormai erose dal tempo, raffiguranti san Gregorio e santa Rosalia. L'interno è a croce latina a tre navate divise da pilastri, comprendente quattro cappelle.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta