Loquis: Trappeti ipogei

Scarica Loquis!

Trappeti ipogei

  loquis

Pubblicato:  2019-03-21 10:46:00

  Viaggiare in Puglia

In tutto il Salento esistono diversi trappeti ipogei, che testimoniano un'economia fiorente di un lontano passato. In Morciano di Leuca, tale presenza è ancora più significativa: oggi se ne contano diciotto. Sono moltissimi se si pensa che nel diciottesimo secolo, la comunità era costituita da appena 131 nuclei familiari. Significativa è la loro datazione: alcuni risalgono al nono secolo. I trappeti di Morciano, sono particolari soprattutto per il modo in cui sono stati realizzati, ovvero sulle ceneri dei contenitori di un'altra fiorente economia: i granai. Japigi , messapi , romani, sono le diverse popolazioni che hanno caratterizzato il nostro territorio. Nel nono secolo, l'influsso bizantino ha determinato nel territorio del basso Salento, una forte trasformazione, passando dall'economia del grano, a quella dell' ulivo e quindi dell'olio. I segni di tale trasformazione, sono evidenti ancora oggi: paesaggi caratterizzati da argentee chiome, e maestosi tronchi contorti di ulivi millenari. Le grotte per la realizzazione dei tappeti ipogei, furono ricavate mediante la semplice rottura dei granai, di cui era costituito tutto il sottosuolo del centro storico. Gran parte dei granai sono stati così distrutti, ma visitando i trappeti ipogei, possiamo ammirare le suggestive sezioni orizzontali superiori, con le loro pietre di chiusura originali. La visita di questi luoghi, ci fa rivivere tempi di antico splendore economico di Morciano.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta