Loquis: Chiesa ex conventuale Santa Maria di Costantinopoli

Scarica Loquis!

Chiesa ex conventuale Santa Maria di Costantinopoli

  loquis

Pubblicato:  2019-03-21 11:16:00

  Viaggiare in Puglia

La chiesa dedicata alla Madonna di Costantinopoli, venne edificata nel 600, insieme all'annesso convento su iniziativa del barone Tarquinio Maramonte. L'intervento di restauro della chiesa, avvenne ad opera del marchese Ignazio Guarini nel 1928. La chiesa all'interno si presenta a navata unica, ed ospita alcuni altari barocchi. Sia a sinistra che a destra infatti, alcuni transetti delimitano gli altari o edicole. Nel lato destro sono presenti in basso i nicchioni ricavati tra i pilastri, mentre nella parte alta erano presenti alcune aperture oggi murate, che corrispondenti ai locali del piano superiore dell'ex Convento, consentivano ai monaci di poter seguire le funzioni religiose affacciandosi. Tali aperture furono chiuse dopo la soppressione e vendita del Convento, anche se ancora agli inizi del 900 tali aperture erano presenti. Nell' altare maggiore, è presente al centro, un'importante affresco raffigurante la Madonna di Costantinopoli con Gesù Bambino che benedice alla greca e ai lati, alcune iscrizioni esegetiche in greco. La chiesa all'esterno, è protetta da un basamento semicircolare, con pilastri sormontati da vasi in pietra leccese di fine Ottocento, e da una ringhiera metallica. La facciata, coronata da un timpano spezzato con croce cuspidale di ferro, presenta due sculture raffiguranti Sant'Antonio di Padova, e Santa Chiara.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta