Loquis: Area archeologica di Valesio

Scarica Loquis!

Area archeologica di Valesio

  loquis

Pubblicato:  2019-01-10 10:27:24

  Viaggiare in Puglia

A pochi chilometri da Torchiarolo, vicino al bosco di Cerano, spuntano i resti dell'antica Valesio , centro messapico e romano , raso al suolo da Guglielmo primo nel 1157, area archeologica tra le più importanti nella provincia, seconda solo a Egnàzia. Le testimonianze più antiche, risalenti all'Età del Ferro, sono state rinvenute lungo le sponde del torrente denominato Canale 'Nfocaciucci. Si tratta di oggetti in ceramica dipinta risalenti all'ottavo secolo avanti Cristo, e di resti di una capanna messapica , ubicata sotto il complesso termale di età romana. Costruito intorno al quarto secolo, il complesso termale si articolava in modo canonico, con la successione di frigidàrium, tepidàrium, calidàrium, una palestra e le latrine. Alcuni ambienti erano decorati da mosaici pavimentali e rivestiti da marmi. Sulle rovine delle antiche terme, i monaci leccesi eressero poi una chiesa dedicata a Santo Stefano, da cui il nome della contrada. All'interno della cinta muraria si ritrovano anche la necropoli , la masseria grande e la « pajàra » , costruzione in pietra a secco, tipica dell'architettura rurale salentina.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta