Loquis: Palazzo Pizzardi

Scarica Loquis!

Palazzo Pizzardi

  loquis

Pubblicato:  2018-11-16 14:08:00

  Bologna Letteraria tra '800 e '900

Il cinquecentesco palazzo senatorio della famiglia Legnani, arricchito nei secoli seguenti da uno scalone monumentale, e da due statue di centauri dello scultore Petronio Tadolini nel cortile, fu acquisito nell'800 dalla famiglia Pizzardi. Nel corso del secolo il salone accolse mostre d'arte, conferenze e concerti. La prestigiosa Società del Quartetto vi tenne le sue prime riunioni. Dal 1913 ospitò la sede direzionale del Compartimento ferroviario di Bologna. Piero Jahier, scrittore e pubblicista vociano, ex combattente volontario e autore del libro Con me e con gli Alpini, divenuto ispettore delle Ferrovie, nel 1924 fu trasferito in fretta da Firenze a Bologna, in attesa di esonero "per scarso rendimento". Per sei mesi fu isolato in una stanzina al pianterreno di Palazzo Pizzardi, sede dell'Amministrazione delle Ferrovie, con la scusa di fargli imparare l'uso del telegrafo. Per quattro anni Jahier visse isolato dalla famiglia, in una stanza in affitto sotto le colline. Smise di scrivere e di pubblicare. L'ispettore ferroviario Jahier non andava in vacanza, e coltivava un suo personale angolo di campagna sul terrazzo asfaltato di Palazzo Pizzardi. Con la guerra la sua casa in via Cesare Battisti fu una delle prime ad essere danneggiata dai bombardamenti alleati, nel luglio del 1943. Nei giorni prima della Liberazione, l'ispettore Jahier visse assieme agli sfollati in Palazzo Pizzardi.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta