Loquis: Osteria del Sole

Scarica Loquis!

Osteria del Sole

  loquis

Pubblicato:  2018-11-16 09:47:00

  Bologna Letteraria tra '800 e '900

Poche città possono vantare una osteria tanto vecchia quanto l'Osteria del Sole di vicolo Ranocchi, minuscola stradina a due passi da Piazza Maggiore. Secondo un documento conservato all'Archivio di Stato, è presente fin dal 1465, quando a Bologna governavano i Bentivoglio. Anticamente vi trovavano ricovero e ristoro i pellegrini e i parenti dei ricoverati dei vicini Ospedali della Vita e della Morte. L'osteria ha sempre avuto una conduzione molto spartana, limitata alla mescita del vino. Ancora oggi si va a prendere da bere al bancone e ci si siede dove si vuole o dove si può. Grazie ai minuziosi resoconti di tanti informatori della polizia, è possibile ricostruire con molta precisione l'attività dei giovani socialisti internazionalisti, seguaci di Bakunin e Andrea Costa, che operavano a Bologna intorno al 1880. Tra questi studenti bohemien, c'era anche Giovanni Pascoli, che dal 1875 abbandonò gli studi e perse il sussidio all'Università per dedicarsi attivamente alla causa socialista. Nel 1962 nasceva la rivista d'avanguardia "Bab Ilu", fondata e diretta da Adriano Spatola. Ne uscirono solo due numeri, ma bastarono a caratterizzare l'attività di un gruppo di giovani, audaci poeti frequentatori di osterie - tra esse i Poeti, il Moretto, il Sole - operanti a Bologna in questo periodo. Oltre all'irrequieto e vulcanico Spatola, c'erano Giorgio Celli, Patrizia Vicinelli, Sergio Molinari, Carlo Marcello Conti e numerosi altri.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta