Loquis: Palazzo Loup

Scarica Loquis!

Palazzo Loup

  loquis

Pubblicato:  2018-11-14 16:03:00

  Bologna Letteraria tra '800 e '900

Il Palazzo Ghisilieri fu venduto all'inizio dell'Ottocento dall'ultimo erede della famiglia Calderini allo svizzero Emilio Loup, commerciante con l'inclinazione al mecenatismo. Egli fece allestire al piano nobile un elegante teatrino: il sipario dipinto da Napoleone Angiolini rappresentava Il giuramento di Guglielmo Tell per liberare la patria. Dopo l'Unità d'Italia, Palazzo Loup, ospitò la Società della Guardia Nazionale, detta il Palladio, presieduta dal dottor Francesco Buratti. Nel 1898, Palazzo Loup, divenne sede del "Resto del Carlino", dove fu impiantato un moderno reparto fotozincografico. L'allestimento della nuova sede fu curato da Attilio Muggia. Vi lavorò, per un pò di tempo, Alfredo Oriani, che approdò molto tardi, negli ultimi anni della sua vita, all'attività giornalistica. Anche Carducci mandò al "Carlino" una quarantina di articoli, che furono poi riprodotti in Confessioni e Battaglie, oppure in Ceneri e Faville. La maggior parte furono proteste, come quella, rimasta famosa, contro l'agente delle tasse, o come quando gli attribuirono l'epigrafe del monumento a Vittorio Emanuele II.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta