Loquis: Casa dello Studente

Scarica Loquis!

Casa dello Studente

  loquis

Pubblicato:  2018-11-13 16:29:00

  Bologna Letteraria tra '800 e '900

La sede del GUF di Bologna era nell'antico palazzo Salaroli, posto fra la Piazza del Teatro Comunale e Via Belmeloro. Fu acquistato nel 1931 dall'Università e dall'Opera Universitaria, su proposta del Rettore Alessandro Ghigi, per adattarlo a Casa dello Studente, provvista di mensa e foresteria. All'interno le varie sale erano tappezzate di frasi di Mussolini. Nella sala d'attesa, per esempio c'era scritto: "L'Italia fascista è un'immensa legione che marcia sotto i simboli del littorio verso un più grande domani". Nella sala conferenze campeggiava un grande ritratto del Duce. Qui nel dicembre del 1940 nacque "Architrave", mensile di politica, letteratura e arte del GUF. Lo dirigeva Roberto Mazzetti, corporativista di sinistra, assieme ai giovani Agostino Bignardi e Pompilio Mandelli. Fra i collaboratori vi furono Giovanni Testori, Roberto Roversi, Pier Paolo Pasolini, Alfonso Gatto, Renzo Renzi. Nel 42 entrarono in redazione i fratelli Gaetano e Francesco Arcangeli. "Architrave" diede voce alla fronda studentesca, che intendeva cambiare il fascismo dall'interno, tornando allo spirito rivoluzionario delle origini. Era la prima volta che i giovani, nati e cresciuti nel regime, aprivano gli occhi denunciandone le disfunzioni e la gerarchizzazione, fino a sognare l'alba di un sistema diverso. Ma già nella primavera del 1942 la rivista cambiò linea, ponendosi su posizioni contrarie alla dittatura. Più volte epurata per i numerosi attacchi ai gerarchi fascisti, fu chiusa nel giugno del 1943.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta