Loquis: Casa - Via delle Banzole

Scarica Loquis!

Casa - Via delle Banzole

  loquis

Pubblicato:  2018-11-13 15:20:00

  Bologna Letteraria tra '800 e '900

Quando Carducci arrivò a Bologna, trovare casa non era per niente semplice. La città stava diventando una grande campo trincerato, con una guarnigione di ventimila uomini, un quinto della popolazione cittadina. Vi erano pochi alloggi disponibili e gli affitti salivano sempre di più. Senza grandi entrate, il giovane professore dovette accontentarsi di un modesto appartamento, quattro stanze in subaffitto dal signor Stefano Galiani, "al piano superiore" di palazzo Marescalchi, in via delle Banzole numero 1193. Era una casa molto modesta, situata a pochi passi dalla locanda dell'Aquila Nera, dove aveva trascorso le prime notti. A fine novembre il professore poeta era già in grado di effettuare il trasloco delle masserizie da Firenze a Bologna, e ai primi di dicembre di riunire la famiglia nella nuova casa. Qui essa rimase circa cinque mesi, fino all'8 maggio 1861, data della rescissione del contratto d'affitto. Con l'allargamento di via Ugo Bassi e di via Venezian negli anni Venti, e l'apertura di via della Zecca e piazza Roosevelt negli anni Trenta del 900, scomparvero la via Caprara, la piazzetta davanti alla chiesa soppressa di Sant'Antonino, e la stessa via delle Banzole, in pratica l'intero tessuto urbano preesistente. L'appartamento del poeta era quasi sicuramente in corrispondenza dell'attuale numero 3 di piazza Roosevelt.

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta