Loquis: Tipografia Nobili

Scarica Loquis!

Tipografia Nobili

  loquis

Pubblicato:  2018-11-13 11:35:00

  Bologna Letteraria tra '800 e '900

Nel periodo della Restaurazione, Annesio Nobili fu il più importante tipografo a Bologna. Nel 1816 gli fu affidata la direzione della stamperia dell'Amministrazione del Lotto a Bologna. Da palazzo Magnani in via San Donato, si trasferì in via de' Toschi nella casa Caccianemici, in una zona tradizionalmente ricca di tipografie e librerie. Pubblicò gran parte delle opere degli esponenti della scuola classica romagnola, dalle Tragedie di Sofocle di Massimiliano Angelelli (1823), alla Cacciata del tiranno Gualtieri, di Teresa Carniani Malvezzi (1832); i saggi di Vincenzo Valorani, Francesco Orioli e Giacomo Tommasini, il volume Alla memoria di Giovanni Battista Martinetti, scritto dalla moglie Cornelia Rossi (1831). Diede inoltre alle stampe le importanti serie degli "Opuscoli scientifici", commissionati dall'Università pontificia di Bologna, e degli "Opuscoli letterari". Nel 1824 anche Giacomo Leopardi commise a Nobili la pubblicazione delle sue Canzoni. Nel 1826 la ditta Nobili, ebbe la privativa per la pubblicazione dei libri scolastici a Bologna, e nelle quattro Legazioni e fu questo uno dei suoi migliori colpi editoriali. Intanto però, dal 1823 Annesio aveva affidato la direzione del negozio bolognese a Giacinto Fiori, e si era ritirato a Pesaro. Qui nel 1832 promosse la stampa del giornale legittimista e reazionario "La Voce della Ragione", che uscì fino al 1835 e la cui direzione fu affidata al conte Monaldo Leopardi, padre di Giacomo, già collaboratore della rivista modenese consorella "La Voce della verità".

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta