Loquis: 20 ottobre - Fucilati a Rebibbia

Scarica Loquis!

20 ottobre - Fucilati a Rebibbia

  loquis

Pubblicato:  2018-09-11 07:29:00

  La Resistenza a Roma

Circa 40 partigiani delle borgate di Pietralata e San Basilio e popolani attaccano la caserma presso il Forte Tiburtino, per impadronirsi diarmi, medicinali e viveri. Le SS, intervenute in numero superiore ai partigiani, dopo un combattimento di breve durata ne catturano 22. Fatta loro attraversare tutta la borgata di Pietralata, vengono rinchiusi nel castello di Casal de’ Pazzi. 3 riescono a fuggire. I 19 rimasti la mattina successiva vengono condotti a Palazzo Talenti, per essere giudicati dal Tribunale militare tedesco. Alla fine di un breve processo, tenuto tutto in lingua tedesca e quindi incomprensibile per i prigionieri, vengono divisi in due gruppi, uno di 9 e l’altro di 10. Il gruppo dei 9 viene portato con un camion nei pressi di Rebibbia. Vengono consegnate loro badili e zappe e sono costretti a scavare una larga e profonda fossa. Il lavoro viene ultimato durante la notte. Il mattino del 22 ottobre alle cinque, il gruppo dei 10 condannati, a loro insaputa, a morte, viene portato al margine della fossa. In cambio di un paio di stivali da ufficiale che avevano suscitato il desiderio di un caporale della PAI, viene lasciato in vita, nascosto durante il tragitto in fondo al cassone del camion, il giovane Guglielmo Mattiozzi. Ma poiché i fucilati dovevano essere assolutamente nel numero di 10, viene fermato un ignaro ciclista, diretto alla volta della città e ucciso per fare tornare i conti

Scarica Loquis!

Disponibile per iOS & Android


Vivi il Mondo

#ATestaAlta