Riportiamo qui la traduzione di un articolo pubblicato su AdWeek il 15 aprile (in fondo alla pagina, trovi il link all’originale). Quello che stiamo realizzando in Italia con Loquis è, per una volta, in anticipo rispetto agli Stati Uniti. Leggere e provare Loquis, per credere.

Una nuova ondata tecnologica potrebbe cambiare radicalmente il modo in cui ascoltiamo il mondo. Grazie ai nuovi Bose Frames, chiunque può ascoltare storie personali dei pellegrini che percorrono il famoso Cammino di Santiago in Spagna, proprio come se camminassero al loro fianco. E Tónandi, una collaborazione tra la società di realtà mista Magic Leap e la band islandese Sigur Ros, consente agli utenti di creare musica interagendo con i suoni e le immagini digitali nella stanza che li circonda.

L’audio in realtà aumentata, noto anche come audio spaziale, rende possibili queste esperienze utilizzando l’accelerometro, il giroscopio e la bussola di uno smartphone per navigare su suoni che a volte vengono aggiunti digitalmente alla geolocalizzazione. Le esperienze audio di AR danno ai creatori e ai brand un’altra piattaforma per raggiungere i consumatori, mentre altre lavorano per trovare più opportunità pratiche per ospedali, ristoranti e persino routine di allenamento.

“Senza audio non è possibile condurre le persone in direzioni diverse”, ha dichiarato Brian Glasscock, project manager di Sennheiser, che lo scorso autunno ha debuttato con una coppia di cuffie audio AR. “Non hai lo stesso controllo di un video. Non puoi tagliare, non puoi scorrere, devi usare l’audio e il movimento per guidare una storia. L’audio può creare o distruggere un’esperienza. “

Il mese scorso, Bose ha debuttato con il prodotto Frames, che consente alle persone di interagire con i suoni digitali collocati nel loro ambiente reale semplicemente muovendo la testa o camminando. Gli occhiali da sole alla moda, che costano $ 200, aiuteranno presto con tutto, dalla navigazione in città, alla riproduzione di giochi e podcast audio-guidati. E invece di cuffie che passano sopra l’orecchio o all’interno dell’orecchio, i Bose Frames inviano suoni verso di esso, consentendo agli utenti di ascoltare insieme suoni reali e digitali.

“Quello che abbiamo scoperto è stato magico, ascoltando in questo modo niente ti blocca l’orecchio”, ha detto Mehul Trivedi, direttore di Bose Frames. “Ottieni questa chiarezza, ma non ti impedisce di guardare il mondo esterno.”

Bose non è la prima azienda a creare cuffie AR. Lo scorso autunno, Sennheiser, in una partnership con Magic Leap, ha lanciato la propria coppia in-ear, le cuffie Ambeo AR One.

Secondo Glasscock, la tecnologia dell’audio spaziale si basa sul movimento della testa, che è il modo in cui le nostre orecchie ricevono il suono da vari punti nello spazio. Il modo in cui il suono viene percepito dipende da una varietà di input, inclusa la posizione della testa di una persona, che gli consente di filtrare tempo, ampiezza e frequenza. Tuttavia, se i suoni sono imposti artificialmente, ingannano il cervello facendogli credere di essere più vicini o più lontani di quanto non appaiano.

Il suono AR è importante non solo da solo, ma anche quando associato a immagini di dispositivi virtuali e di realtà mista. Questa è una delle ragioni per cui Magic Leap ha creato un kit di sviluppo software per le sue cuffie specificamente per l’audio spaziale. Dan Lehrich, Senior Director of Production di Magic Leap, ha affermato che l’audio spaziale è la chiave per rendere credibili le immagini, aggiungendo che l’audio è tanto importante quanto la grafica.

“L’audio spaziale è molto importante per i contenuti perché è una parte fondamentale dell’esperienza”, ha affermato Lehrich. “Se pensiamo al calcolo spaziale come a una fusione perfetta tra mondo digitale e mondo fisico, l’audio è una parte fondamentale del modo in cui percepiamo il mondo.”

Anche le agenzie stanno lavorando con Bose. Uno di questi è Huge, con sede a Brooklyn, che ha testato gli occhiali da sole nel coffee shop R&D dell’agenzia ad Atlanta per aiutare i baristi ad ascoltare le istruzioni in modo discreto. Gela Fridman, presidente della tecnologia di Huge, ha detto che pensa che l’audio AR potrebbe essere utile per ospedali, navigatori e industrie in cui i lavoratori hanno bisogno di accedere alle informazioni senza la distrazione di un dispositivo con uno schermo.

“Ti stai muovendo in giro per la tua attività normale, ma allo stesso tempo puoi ottenere un contesto che è importante per te”, ha detto. “Non c’è schermo, non c’è niente che ronza nella tua tasca. È come camminare con un amico, potenzialmente. “

 

Link all’articolo originale

 

Bose non è la prima azienda a creare cuffie AR. Lo scorso autunno, Sennheiser, in una partnership con Magic Leap, ha lanciato la propria coppia in-ear, le cuffie Ambeo AR One.

Secondo Glasscock, la tecnologia dell’audio spaziale si basa sul movimento della testa, che è il modo in cui le nostre orecchie ricevono il suono da vari punti nello spazio. Il modo in cui il suono viene percepito dipende da una varietà di input, inclusa la posizione della testa di una persona, che gli consente di filtrare tempo, ampiezza e frequenza. Tuttavia, se i suoni sono imposti artificialmente, ingannano il cervello facendogli credere di essere più vicini o più lontani di quanto non appaiano.

Il suono AR è importante non solo da solo, ma anche quando associato a immagini di dispositivi virtuali e di realtà mista. Questa è una delle ragioni per cui Magic Leap ha creato un kit di sviluppo software per le sue cuffie specificamente per l’audio spaziale. Dan Lehrich, Senior Director of Production di Magic Leap, ha affermato che l’audio spaziale è la chiave per rendere credibili le immagini, aggiungendo che l’audio è tanto importante quanto la grafica.

“L’audio spaziale è molto importante per i contenuti perché è una parte fondamentale dell’esperienza”, ha affermato Lehrich. “Se pensiamo al calcolo spaziale come a una fusione perfetta tra mondo digitale e mondo fisico, l’audio è una parte fondamentale del modo in cui percepiamo il mondo.”

Anche le agenzie stanno lavorando con Bose. Uno di questi è Huge, con sede a Brooklyn, che ha testato gli occhiali da sole nel coffee shop R&D dell’agenzia ad Atlanta per aiutare i baristi ad ascoltare le istruzioni in modo discreto. Gela Fridman, presidente della tecnologia di Huge, ha detto che pensa che l’audio AR potrebbe essere utile per ospedali, navigatori e industrie in cui i lavoratori hanno bisogno di accedere alle informazioni senza la distrazione di un dispositivo con uno schermo.

“Ti stai muovendo in giro per la tua attività normale, ma allo stesso tempo puoi ottenere un contesto che è importante per te”, ha detto. “Non c’è schermo, non c’è niente che ronza nella tua tasca. È come camminare con un amico, potenzialmente. “

 

Link all’articolo originale