Digital Storytelling e Podcasting, un caso esemplare.

 

Nuove forme di narrazione si fanno strada in questi ultimi anni. Sono moltissime le opportunità di utilizzo ed una di queste potrebbe essere innovativa per l’insegnamento didattico. Cristina Bralia, formatrice e docente delle superiori, appassionata ed esperta di didattica assistita dalla tecnologia, è un pioniere digitale e come tale, sta sviluppando esperienze didattico-metodologiche in campo di realtà virtuale e realtà aumentata. Proprio lei ha messo in pratica l’idea del Digital Storytelling all’interno degli istituti scolastici, tramite lo strumento podcast.

La sua esperienza diretta con il podcasting, vede protagonisti gli alunni della sua classe nell’Istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera dell’Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi di Catania.

Grazie all’obiettivo di creare con gli studenti un podcast creativo, la Bralia è riuscita a coinvolgere e a creare legami collaborativi tra i ragazzi della classe. L’idea è poi successivamente sfociata in una “radio scolastica” (“Radio Pestalozzi“), con puntate i cui argomenti trattati, sarebbero stati scelti dai ragazzi stessi.

Un vero e proprio “podcast didattico sul cinema e per il cinema”.

Attraverso il format del “talk radio”, è stato inoltre possibile lavorare sulle competenze lessicali dei ragazzi, e attivare lezioni mirate su tematiche attuali e vicine ai giovani, come i diritti d’autore e il mondo della musica freeware.

Un lavoro che ha motivato fortemente gli alunni, sviluppando le loro capacità di comunicazione, lavoro di squadra e partecipazione attiva.

In conclusione, il podcasting potrebbe essere una metodologia didattica da attuare anche in molte altre scuole, evolvendosi e integrandosi all’interno dei programmi scolastici, creando un forte senso di consapevolezza e interesse nei giovani.

 

Fonte: Nova – Il Sole 24 Ore